Grotta dei Cinque Laghi a Monte Nerone

Un susseguirsi di strettoie e ambienti di minima ampiezza lasciano presto spazio al “Ramo dei Laghi”..

Speleologia
Grotta dei 5 Laghi

La Grotta dei Cinque Laghi è situata a 1110 m di quota sul fianco destro della Gola dell’Infernaccio, a poca distanza dalla Grotta di Nerone, lungo il sentiero 1 che dalla chiesa di Santa Maria in Val D’Abisso sale fino al rifugio Corsini, punto di partenza degli impianti sciisitici di Monte Nerone.

Avvicinamento dalla strada che sale a Monte Nerone

Da Piobbico prendere la Statale n.257 per Acqualagna, e dopo poco più di 1 km svoltare a destra seguendo le indicazioni per Rocca Leonella. Oltrepassato il caseggiato di Acquanera svoltare nuovamente a destra al bivio per continuare la salita a Monte Nerone. Da qui dopo circa 6 km (tonante 10) è ben visibile alla destra della strada un riparo naturale con una edicola intitolata alla Madonna. Parcheggiare qui la macchina e cambiarsi.
Si procede ora a piedi in salita nel prato costeggiando la Gola dell’Infernaccio. Poco dopo si incrocia nuovamente la strada asfaltata dove è presente una lapide intitolata al prof. paleontologo e biostratigrafo Giovanni Pallini detto Jack. Attraversando quindi la strada e continuando la salita lungo il flebile sentiero, c’è un bivio dove occorre tenere la destra scendendo nel ripido pendio. Alla base di questo si incontra il sentiero CAI n.1 che scende dal Rifugio Corsini, quindi proseguire in discesa verso destra lungo il medesimo sentiero fino ad incontrare dopo qualche decina di metri sulla destra due piante nate nella roccia sopra il sentiero. L’accesso alla grotta rimane alto, nascosto alla vista e sarà quindi necessario arrampicarsi sulla pianta per vederlo correttamente.

Ingresso grotta dei 5 laghi – foto di Marco Allegrezza (@marco.allegrezza.18)

Descrizione della grotta

La Grotta dei Cinque laghi nella parte iniziale è caratterizzata da un susseguirsi di strettoie e ambienti di minima ampiezza oltre i quali la galleria tende ad alzarsi fino a poterci camminare tranquillamente. Continuando nel percorso si raggiunge un vasto ambiente denominato 'Sala del Guano', da qui parte il 'Ramo Fossile', inizialmente asciutto ma con sale di grande fascino, per la presenza di concrezioni calcaree diffuse. Questo ramo termina dopo circa 120 metri. Dalla 'Sala del Guano', mediante una stretta fessura sulla destra, si arriva al “Ramo dei Laghi”, vera bellezza della grotta.

Grotta dei 5 laghi - foto di Marco Allegrezza (@marco.allegrezza.18)
Grotta dei 5 laghi – foto di Marco Allegrezza (@marco.allegrezza.18)

Superato lo stretto passaggio si arriva nella “Sala dei Moccoli”, così chiamata per la presenza di importanti stalagmiti. Scendendo lungo la galleria si arriva al primo lago che si attraversa agevolmente tramite un corrimano. Prima del lago, sulla destra, inizia il “Ramo dei Disperati”, il cui nome eloquente è descrive la strettezza e la scomodità del cunicolo. Tuttavia non dobbiamo addentrarci, ma dobbiamo attraversare il lago. Cinquanta metri dopo, man mano che la grotta assume una conformazione finalmente ampia e pianeggiante, ci si trova nella sala più grande, la “Orthoceras”, dove è presente l’omonimo mollusco nautiloide fossile testimonianza del fatto che la grotta una volta fosse sommersa nel mare.

Oltrepassata la grande stanza si raggiunge una strettoria nascosta dove spesso scorre leggermente l’acqua che conduce ai laghetti finali.
Per oltrepassare i due laghi terminali è difficile non bagnarsi, ma appena oltrepassati è presente uno stretto cunicolo scavato a mano dall’interno che si apre sui prati denominati 'I Ranchi', in prossimità della strada Piobbico-Monte Nerone sulla quale, salendo, ritroveremo la macchina poco dopo.


Dislivello percorso: -50m
Tempo di avvicinamento: 30min.
Tempo medio di percorrenza: 1.5 ore
Periodo consigliato: aprile/novembre
Difficoltà complessiva: poco difficile

 

La traccia GPS per raggiungere la Grotta dei Cinque Laghi


Vuoi seguire la traccia direttamente sul tuo smartphone o GPS?
Inserisci il tuo indirizzo email, iscriviti alla newsletter e
scarica gratuitamente il file GPX!

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy il cui contenuto costituisce parte integrante della presente manifestazione di consenso e acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 196/03