Eremo di Santa Lucia a Piobbico

Trekking
Eremo di Santa Lucia

Partendo dal Municipio di Piobbico percorrere la Statale n.257 in direzione Acqualagna per poco più di 1km. Quindi svoltare a destra e imboccare la strada comunale per Rocca Leonella (che prosegue fino a Secchiano/Cagli), oltrepassare Cà Giovaccolo e l'abitato di Acquanera. Al successivo bivio tenere la sinistra per la strada che scende in direzione Secchiano, oltrepassando il cimitero e mantenendo la destra. Superare l’uscita della Forra del Presale, la frazione Bacciardi e quella di Cardella. Da questo abitato, dopo circa 700 metri in corrispondenza di una curva secca a sinistra, svoltare a destra e salire per una strada bianca per circa 500 metri. In corrispondenza del primo tornante a destra, è possibile parcheggiare l’automobile e imboccare, sulla sinistra, il sentiero indicato e ben evidente che in 20 minuti conduce alla Grotta di Santa Lucia utilizzata come eremo fin dal XI secolo.

Grotta di Santa Lucia
Grotta di Santa Lucia

La grotta di Santa Lucia

Questa atipica grotta dal tetto spiovente, sotto il Monte Carpineto, sovrasta il Fosso Tragolone e si è formata grazie al gioco di tensioni tettoniche degli strati di marne fucoidi. Contiene al suo interno un piccolo eremo rupestre che come ricorda 'don Domenico' risale agli inizi del 1200.
Un moncone di muro con blocchi di pietra ben squadrati e nicchie per la travatura, è ciò che resta dell’originale chiusura della grotta molto probabilmente franata in seguito del cedimento della volta rocciosa soprastante.
Nonostante l’erosione del tempo all’interno della grotta sono ancora visibili un rustico altare di pietra e i resti di un affresco in cattivo stato di conservazione del quale non si ha memoria storica. L’immagine è dedicata a Santa Lucia e risale probabilmente ai tempi di qualche antico eremita che qui trovò un riparo ideale per sè e per il suo spirito. L’altare è collocato in mezzo alla stanza, prima che il soffitto si abbassi verso il fondo e poggia su una parete in muratura che separa il primo ambiente dal secondo.

Crocifisso e muro di separazione
Crocifisso e muro di separazione

Nella grotta sono ancora ben visibili incavi scavati nella roccia utilizzati come appoggio per le travi in legno, mentre nella parete di sinistra si intravvede ciò che resta di un tabernacolo devozionale.
La grotta è esposta a oriente ovvero al “sole di Santa Lucia“, martire siracusana protettirce della vista e della luce che si festeggia il 13 dicembre. Secoli fa, con il calendario Giuliano, la ricorrenza della Santa cadeva in prossimità del Solstizio d’Inverno. Con l’adozione del nuovo calendario Gregoriano il 4 ottobre 1582, ci fu uno slittamenento di circa 9 giorni grazie al piccolo ritardo accumulato dal conteggio rispetto all’anno astronomico, facendo quindi slittare il Solstizio d’Inverno al 21 o al 22 dicembre.
La cavità venne usata in seguito anche come ricovero per pastori e boscaioli.

Eremo Santa Lucia, dipinto e altare
Eremo Santa Lucia, dipinto e altare

Il Monte Nerone e i dintorni dell’Eremo di Santa Lucia

Nelle vicinanze della Grotta di Santa Lucia si trova la Forra del Presale, un’emozionante discesa in corda lungo il torrente, dove è presente una verticale massima di 20 m. oltre ad altri salti più piccoli e spettacolari.
Un po’ più lontano si trova il Rio Vitoschio, ora palestra speleologica ma in passato un luogo ideale per il romitaggio che secondo la tradizione locale ospitava un monastero, l’Eremo di San Bartolomeo, del quale non esiste più traccia.
Il paesaggio aspro e selvaggio di questa zona spinse ad una vita di solitudine anche il Beato Barbetta da Piobbico, in realtà originario di Rosara, un antico borgo appollaiato sulla valle dove s’incontrano il Rio Vitoschio e il Fosso Pisciarello.

Eremo Santa Lucia, guardando verso il fosso Tragolone
Eremo Santa Lucia, guardando verso il fosso Tragolone

Santa Lucia

Santa Lucia è una martire siracusana la cui ricorrenza si celebra il 13 dicembre, in un periodo vicino al solstizio di inverno giorno più corto dell’anno. L’emblema della sua rappresentazione con gli occhi sulla coppa, o sul piatto, è da ricollegarsi con la devozione popolare che l’ha sempre invocata protettrice della vista a causa del suo stesso nome Lucia (da Lux, luce).

Eremo Santa Lucia Dipinto
Eremo Santa Lucia Dipinto

L’eremo è esposto a oriente, proprio dove sorge il sole e nasce la luce.

Il virtual tour

 

 

 


 

La traccia GPS da Piobbico all’Eremo di Santa Lucia


Vuoi seguire la traccia direttamente sul tuo smartphone o GPS?
Inserisci il tuo indirizzo email, iscriviti alla newsletter e
scarica gratuitamente il file GPX!

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy il cui contenuto costituisce parte integrante della presente manifestazione di consenso e acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 196/03