Trekking e Picnic a Pianello di Cagli: la Chiusa e il Cascatone

L’area Picnic “La Chiusa” e il Cascatone, una passeggiata tra 3 belle cascate prima di una gustosa grigliata.

Acquista mappa e guida cartacea →
con tracce GPX scaricabili gratuitamente

Scritto da
Aggiornato il
Categoria
Seguici su Facebook

Il giro parte dall’area picnic “La Chiusa” a Pianello di Cagli, ai piedi di Monte Nerone.

Dando le spalle al Papi’s Bar proseguiamo frontalmente costeggiando il torrente “Giordano”, o come conosciuto nelle mappe storiche Ciortano. Dopo circa 5 minuti si arriva a un’area attrezzata dove fare un picnic a Pianello. L’area, realizzata da alcuni “appassionati” a cui va il nostro ringraziamento, è attrezzata con un capanno per ricovero attrezzatura, un barbecue e 5 tavoli con seduta che si affacciano sul torrente.

Area Picnic "La Chiusa"
Area Picnic a Pianello di Cagli “La Chiusa”

Risaliamo costeggiando il fiume sulla sinistra (destra orografica). Seguendo il sentiero abbastanza frequentato, dopo circa 15 minuti di cammino si presenta con tutta la sua imponenza il “Cascatone”, conosciuto anche come “la diga”. Si tratta di uno sbarramento realizzato in pietra “scaglia rossa” intorno agli anni ’20 per interrompere lo scivolamento a valle del pietrame trasportato dalle acque. In regime di massima diventa una spettacolare cascata alta circa 6 metri ribattezzata appunto “Cascatone”.

Proseguendo con buona attenzione e mantenendo la sinistra ci si affida ad un canapone per evitare di scivolare sulle lisce lastre di pietra. Il sentiero poco dopo sale ripidamente per un cinquantina di metri per poi ridiscendere in direzione del fiume.

Corda per risalire a fianco del Cascatone
Corda per risalire a fianco del Cascatone

Poco dopo aver tenuto la sinistra al bivio e camminato qualche minuto si arriva ad un manufatto circolare, realizzato con pietre a secco dove la vegetazione si è reimpossessata dell’ambiente. Questa piccola “piscina circolare” alta circa 1 metro è detta “Trottara”.

La Trottara per l’allevamento dei pesci

La "Trottara", la vecchia vasca per l'allevamento dei pesci
La “Trottara”, la vecchia vasca per l’allevamento dei pesci

In passato il fiume era stato deviato per alimentarla e poter allevare i pesci principalmente Trote e “Capisciotti” (Scazzone). Quest’ultimo è un simpatico pesce di color marrone e dalla grande testa che caratterizza il nome locale. Una “grande testa” nei modi di dire richiama una persona che conosce tutto, che in dialetto locale viene definito capiscione, e da qui deriva Capisciotto. E’ un pesce particolare con abitudini notturne mentre di giorno si rintana sotto i sassi e le piante acquatiche. È un pesce non molto diffuso che è considerato indicatore della qualità dell’acqua, infatti non tollera le acque inquinate nemmeno parzialmente.

Ci riteniamo fortunati di poter fare liberamente il bagno in questo stupendo torrente. Ancora i Capisciotti resistono ma a dire dell’ultra centenario di Pianello Pompeo Matteucci “c’erne i capisciotti longhi così” (“c’erano scazzoni lunghi così” indicando una manata di circa 20 cm.) un tempo ce ne erano ancora di più e più grandi. Non molto lontano c’è un altro bel luogo dove poter fare un bel bagno al fiume: San Nicolò e il Fosso di Terio.

Verso Pian dell’Acqua

La cascata del torrente che scende Pian dell'Acqua
La cascata del torrente che scende Pian dell’Acqua

Dalla “Trottara” seguire a ritroso il sentiero e attraversare l’alveo del fiume seguendo il ponte dove corre l’acquedotto che da Pieia porta l’acqua a Urbino e dove c’è la confluenza del Giordano con il torrente del Pian dell’Acqua. Risaliamo quest’ultimo per circa 50 metri e ci troviamo davanti a una cascata generata da uno sbarramento in pietra.
L’acqua è quella che arriva dal meraviglioso Orrido dei Cupi di Fiamma. Alla sommità del ponte passa la strada che da Pianello conduce al monte Nerone. Torniamo quindi sui nostri passi fino al ponte, quindi seguiamo lo sterrato fino ad arrivare alla strada asfaltata che seguiamo per il ritorno. Lungo la strada, in concomitanza di una edicola dedicata alla Madonna si vede sotto, in prossimità del fiume, il Cascatone (spettacolare dall’alto).

Edicola Madonnina Cascatone
Edicola Madonnina – un affaccio sul Cascatone

Verso l’area picnic a Pianello di Cagli

Ora continuiamo a scendere per la strada asfaltata e poco dopo svoltiamo a destra dove con un comodo sentiero torniamo a “La Chiusa” l’area picnic a Pianello dove fare una bella grigliata con l’ottima carne presa dal macellaio del paese.

Il Virtual Tour del Cascatone

Acquista mappa e guida cartacea →
con tracce GPX scaricabili

La Traccia GPX per raggiungere il Cascatone

    Download GPX
    Vuoi seguire la traccia direttamente sul tuo smartphone o GPS?
    Inserisci il tuo indirizzo email, iscriviti alla newsletter e
    scarica gratuitamente il file GPX!



    One Response

    1. Filippo ha detto:

      La descrizione abbastanza sommaria
      Fino al cascatone no problem poi dal corrimano in poi nn si capisce più dove andare

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Mappe, Guide e Libri con tracce GPX scaricabili ↓

    Acquista mappe e guide cartacee →
    con tracce GPX scaricabili

    Partner & Stampa

    I nostri partner sportivi con cui condividiamo la passione per la ricerca e l’outdoor.

    Logo La Sportiva
    Logo Venezia Monaco
    Logo Gruppo Speleologico Urbinate

    Parlano di noi:

    Logo Gazzettino Giornale del Nord Est
    Logo Padova Oggi
    Logo Resto del Carlino
    Logo Rossini TV
    Logo Tele 2000