Forra di Pian dell’Acqua (Cupi di Fiamma)

Categoria: Canyoning
Condividi con:

Lunghezza Forra: 2400 m
Altitudine massima: 825 m
Altitudine minima: 460 m
Totale discesa: 4h 30m

Scesi alcuni scivoli ci si trova davanti ad una serie di lunghi salti verticali in ambiente aperto. Tra le varie cascate è rimarchevole quella di 70 m. Dopo la sequenza di salti verticali l’ambiente tende ad allargarsi, con pozze alternate a scivoli fino a 10 m. Avanzando nel corso d’acqua si giunge ad una verticale di 20 m, dopodiché si attraversa la valle fino ad un’ ultima cascata di 12 m, alla cui base è sita una piccola “marmitta dei giganti”. Di qui si segue il greto del torrente fino all’uscita.

Successione dei salti: 10; 70; 40; 15; 10; 20; 12.
Dislivello: 365m –da quota 825 a quota 460.
Tempo di avvicinamento: 10 min.
Tempo di uscita: 20 min.
Tempo di percorrenza: 2/3 ore.
Periodo consigliato: marzo/maggio e ottobre/novembre
Difficoltà complessive: da poco difficile a difficile secondo la portata.

E’ il toponimo che identifica i “cupi di fiamma” meglio noti come “i cupi”. Hanno una estensione di 5 km² ca. la maggior parte coperti a bosco. Fino a non molti anni fa il bosco era una miniera per la produzione di carbone da legna che, insieme con il trasporto con i muli, ha rappresentato per i nostri nonni l’attività primaria. Ai carbonai che con i loro muli si recavano nelle piazzole per cuocere la legna, producendo carbone, era richiesta la presenza continua fino a che il carbone non fosse pronto. Questi trascorrevano giorni e notti vegliando sul fuoco nutrendosi solo di polenta, pancetta di maiale e pecorino. E’ cosi che nacque il “polentone alla carbonara” (Pianello di Cagli ottenne il Guinness World Record con 3560 kg. realizzato il 24.06.2012 ), cotto e ricotto sui carboni ardenti fino a farlo indurire per poi spezzarlo e rimetterlo nel caldaio: polenta, pecorino, pancetta, polenta. pecorino, pancetta con il calore del carbone che scioglieva il pecorino amalgamando il tutto. Lauto pasto giornaliero per il carbonaio, innaffiato da qualche buon bicchiere di vino, per alleviare le fatiche e per digerire… ecco come tali siti rimasero isolati per decenni. Solo ora si stanno riscoprendo le peculiarità dell’Orrido.

Il Tour Virtuale dell’Orrido nella forra di Pian dell’Acqua (Cupi di Fiamma)

Condividi con: