Escursioni e tracce GPX

Falesia del Lagazuoi: free climbing in un contesto mozzafiato

Bella palestra di roccia realizzata ai piedi del Piccolo Lagazuoi, perfetta per tutti e ideale per principianti.

Scritto da
Aggiornato il
Categoria
Seguici su Facebook
Condividi con:

Nei pressi del Passo Falzarego, sopra Cortina d’Ampezzo, si trova la piccola ma bella falesia del Lagazuoi, palestra di roccia perfetta per chi è alla ricerca di un’arrampicata non eccessivamente difficile, con chiodatura sportiva, ma soprattutto in una cornice panoramica che ha pochi uguali.

Era il lontano 2010 quando, nella mia breve parentesi di ritorno all’arrampicata, per merito dell’amico Benny conobbi la falesia del Lagazuoi. A distanza di 10 anni, avendo ripreso in modo più convinto e appassionato questo magnifico sport e stile di vita, ho avuto la fortuna di tornarci diverse volte per passarci delle divertenti giornate all’insegna del free climbing in relax nel cuore delle Dolomiti d’Ampezzo.

Ciò che rende speciale questa falesia è lo spettacolare panorama sulle Dolomiti, dall’Antelao al Gruppo del Sella.

La torre su cui sono state aperte 3 facili tiri – in lontananza i Lastoi de Formin e l’Averau

La falesia del Lagazuoi

La falesia è stata aperta nei primi anni duemila dalle Guide Alpine di Cortina e conta 27 mono-tiri con difficoltà compresa tra il 4a e il 7b. E’ composta da quattro diversi settori che si sviluppano a 2.300 metri s.l.m. sulla parete sud del Piccolo Lagazuoi: sinistro, centrale, destro e la torre.

Si raccomanda sempre l’uso del casco in quanto della parete soprastante possono cadere sassi e detriti.

Tipo di roccia

Si arrampica su splendida dolomia compatta. Ottimo il grip per mani e piedi. Sui settori centrale, destro e sulla torre la roccia, color grigio scuro, è più levigata e modellata dagli agenti atmosferici. Il settore sinistro presenta invece una roccia più giallastra con buchi a volte lievemente più ostili per le dita.

Quando andarci

La palestra è esposta a sud, il che – data l’altitudine – la rende perfetta dalla primavera all’autunno inoltrato, senza disdegnare le giornate invernali più soleggiate.

Per godere di una giornata in totale relax senza il rombo continuo delle moto che affollano il Passo Falzarego, è preferibile evitare i mesi estivi.

Accesso e avvicinamento

Dal parcheggio della funivia si intraprende il sentiero 402 che (con neve) segue l’andamento della pista da sci che scende dal Rifugio Lagazuoi. Dopo circa 10 minuti in salita, giunti ad un bivio, si tiene la sinistra seguendo le indicazioni per la falesia. Altri 5 minuti e si giunge alla palestra.

La chiodatura

Spit fix, con distanza tra le protezioni sempre adeguata e sicura. Sul settore sinistro gli spit risultano un po’ più distanziati rispetto agli altri settori.

I settori e le vie

Le vie sono elencate partendo da quella più a sinistra di ciascun settore. La lunghezza delle vie è compresa tra i 15 e i 30 metri.


Il settore sinistro

Il più difficile e il mio preferito. Da non perdere le vie Tesorino (6b), lunga e continua, con partenza da studiare bene, e Yellow wall (6c), con un passaggio chiave a metà.

Sul diedro a sinistra di My way attacca una via di più tiri (multipitch) con chiodi cementati, l’itinerario Alpini.

ViaDifficoltà
Martini5b
On the rocks6b
My way6a
Dake san6c
Tesorino6b
Yellow wall6c+
War games7a+
Hazard7b
A destra, Lorenzo su My Way (6a)
Mauro mentre studia la via Tesorino (6b)

Il settore centrale

Il più facile. Alcune vie da 30m.

ViaDifficoltà
Grigio perla4a
Too easy4a
Il tasso4a
Marcolino4b
No pain5c
No game6c

Il settore destro

Molto piacevole, alcune vie offrono un piccolo tetto da superare agevolmente.

ViaDifficoltà
Katrin4b
Michal4b
Machal4c
Daniela5b
Renato5b
Campanule5b
Troppe moto5b
Malta roof5b
Un passo5c

La torre

La sosta della via Buona notte è sul terrazzino in cima alla torre.

ViaDifficoltà
Buona notte4c
Miwa san5b
Szwindel5c
Giovanni su Szwindel (5c)

Punti di ristoro e terzo tempo

Per concludere la giornata con una birra o una fetta di strudel, dalla falesia del Lagazuoi le alternative non mancano. Possiamo rimanere sulla strada del Falzarego oppure scendere direttamente nel centro di Cortina.

Oppure ci portiamo un paio di birre nello zaino e approfittiamo degli ultimi raggi di sole ai piedi della falesia, in pieno stile climbing life.

Scheda di sintesi

Dove parcheggiarePasso Falzarego
Maps: https://goo.gl/maps/HUXDRa11qBwErBAN8
Numero di vie27
Lunghezza delle vieDai 15 ai 30 metri
DifficoltàDal 4a al 7b
RocciaDolomia compatta
Tipo di arrampicataPrevalentemente su parete verticale, non manca qualche tratto di leggero strapiombo nel settore sinistro
ProtezioniSpit fix con distanziamento medio
Quando andarciDa metà primavera all’autunno inoltrato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.