Tre Cime di Lavaredo: via ferrata sul Monte Paterno

Splendido itinerario escursionistico nelle Dolomiti di Sesto con via ferrata alla cima del Monte Paterno

Categoria: Trekking, Vie ferrate
MyOutdoor Monte Paterno
Condividi con:

Non è un caso che le Tre Cime di Lavaredo siano il simbolo delle Dolomiti. Tre cime imponenti, che si ergono una affianco all’altra dominando tutto il panorama circostante. Il versante nord è senz’altro quello più noto. Ed è proprio a nord-est delle Tre Cime che si trova il Monte Paterno (2.649m), la cui cima è raggiungibile per mezzo di una breve via ferrata di media difficoltà, e dalla quale si gode di una visuale unica e privilegiata sulle Tre Cime.

L’itinerario che vi proponiamo inizia dal parcheggio del Rifugio Auronzo (2.320) e, con eccezione dell’ascesa attrezzata al Monte Paterno, è un lungo trekking escursionistico in uno dei contesti più affascinanti e ricchi di storia delle Dolomiti di Sesto e di tutto l’arco dolomitico. Il percorso incontra alcuni tra i rifugi più noti e internazionali della zona: il Rifugio Auronzo, il Rifugio Lavaredo, il Rifugio Locatelli e il Rifugio Pian de Cengia.


Fino al Rifugio Locatelli

Per chi raggiunge il Rifugio Auronzo in auto, è importante ricordare che la strada di accesso al rifugio prevede un pedaggio (25€ nel 2020) da metà primavera a metà autunno. In alternativa è possibile lasciare l’auto nei pressi del pedaggio e percorrere a piedi i successivi 5km.

La prima sezione dell’itinerario si svolge lungo la mulattiera con segnavia 101 che, dal Rifugio Auronzo, costeggia le Tre Cime in senso antiorario. Il tratto iniziale è pressoché pianeggiate; superato il Rifugio Lavaredo (2.344m), si sale agevolmente fino all’omonima forcella per poi proseguire, in saliscendi, fino al Rifugio Locatelli – Innerkofler (2.405m).

Salendo verso il rifugio Lavaredo – alle nostre spalle i Cadini di Misurina

La via ferrata al Monte Paterno

Dopo una breve pausa al Rifugio Locatelli, indossata l’attrezzatura da ferrata (imbrago, longe, dissipatore, casco e luce frontale), seguiamo le indicazioni per il Monte Paterno – via ferrata De Luca – Innerkofler. L’attacco si trova sulla nostra sinistra avendo il rifugio alle spalle.

La prima sezione sale lungo le gallerie del Monte Paterno, testimonianza del teatro di guerra che durante il primo conflitto mondiale si svolse nelle Tre Cime. Superate alcune rocce con l’aiuto del cavo metallico, giungiamo alla Forcella del Camoscio (2.680m).

La gallerie del Monte Paterno

Al bivio nei pressi della Forcella del Camoscio ci teniamo sulla destra, da dove la via ferrata si biforca: il cavo di destra per salire, il cavo di sinistra per la discesa. Procedendo per facili rocce miste a sentiero non attrezzato, in poco tempo ci portiamo in vetta al Monte Paterno.

Il panorama dalla cima è completo e lascia senza parole. Non solo sulle Tre Cime di Lavaredo, ma anche sulla Croda de’ Toni, sul Monte Cengia, su Cima Una e sulle Dolomiti di Sesto in generale.


Dal Monte Paterno al Rifugio Pian de Cengia

Dalla cima torniamo alla Forcella del Camoscio scendendo per la via ferrata (questa volta lungo il cavo posizionato appositamente per la discesa). Raggiunta la forcella proseguiamo per la destra, lungo il sentiero attrezzato 101b, con divertenti passaggi su ponti sospesi e cenge scavate dall’uomo nella roccia, anche queste opere militari risalenti alla Grande Guerra.


Il sentiero prosegue costantemente su rocce e roccette, per guidarci fino al Pian de Cengia, dove si trova l’omonimo Rifugio – in tedesco Büllelejochhütte (2.528m) – crocevia per chi proviene dal Rifugio Locatelli e chi sale invece dalla Val Fiscalina e dal Rifugio Zsigmondy – Comici.

Complice il sole che a quest’ora si è fatto spazio tra le nuvole, il plateatico del Rifugio Pian de Cengia è perfetto per godersi un panino assieme ad una radler ghiacciata.

Dal Pian de Cengia è possibile raggiungere, con rapida e facile ascesa, la cima delle Crode Fiscaline, i cui strapiombi si gettano sulla Val Sassovecchio.

Il Rifugio Pian de Cengia

Il ritorno ai rifugi Locatelli e Auronzo

Scattata qualche foto adrenalinica sul baratro delle cime Fiscaline, scendiamo al Pian de Cengia e all’omonima forcella, dalla quale ci teniamo a destra lungo il segnavia 101. Il sentiero costeggia le pendici nord del Monte Paterno, scendendo dolcemente fino al Rifugio Locatelli costeggiando il Lago dei Piani.

L’ampio balcone del rifugio è ideale per un’ulteriore birra per integrare le fatiche fatte e ammirare le Tre Cime, fisse davanti a noi.

Da qui, è possibile tornare al Rifugio Auronzo seguendo il medesimo sentiero percorso all’andata. In alternativa si può tornare aggirando le Tre Cime in senso antiorario, a ovest, lungo il segnavia 105, così da collezionare in una stessa giornata una visuale da ogni angolazione delle Tre Cime.


Il percorso in sintesi

DoveDolomiti di Sesto – Tre Cime di Lavaredo
ParcheggioRifugio Auronzo
Maps: https://goo.gl/maps/mewz95iHdvcSBu6s9
CartografiaTabacco 010 – Dolomiti di Sesto
Lunghezza18km
Dislivello1.000m
DifficoltàMedia
RifugiRifugio Auronzo
Rifugio Lavaredo
Rifugio Locatelli
Rifugio Pian de Cengia
Cosa portareZaino da 25-30L, acqua (2L), attrezzattura da ferrata, lampada frontale per le gallerie iniziali

La traccia GPS del percorso scaricabile direttamente sul tuo telefonino



    Vuoi seguire la traccia direttamente sul tuo smartphone o GPS?
    Inserisci il tuo indirizzo email, iscriviti alla newsletter e
    scarica gratuitamente il file GPX!

    Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy il cui contenuto costituisce parte integrante della presente manifestazione di consenso e acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 196/03

    Condividi con:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.